Bevuta di una camomilla

camomilla-tazza-810x608

Scorgo
La paura riflessa
Sul fondo di una tazza
Da cui bevo la mia quiete.
Muta,
Scivola bollente
Per zittire,
Stordire i miei tormenti.
Dolce,
Assapora l’amaro
Radicato nelle mie ossa.
E di nuovo sono succube.
Ora di una quiete che non è la mia.

LUCIDA-MENTE

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...